Chick Corea Tribute

Oltre i brani di Chick Corea, il repertorio del gruppo integra altri brani rappresentativi dell’epoca jazz-rock di autori quali: Pat Metheny, Jaco Pastorius, Gary Willis.Chick-Tribute

  • Fabio Valdemarin – tastiere
  • Luciano Zadro – chitarra
  • Silvano Dossena – batteria
  • Marco Conti – basso elettrico

Bill Evans Tribute

Bill Evans (1929-80) è da considerarsi uno dei pianisti più importanti nell’evoluzione jazzistica e un riferimento per intere generazioni tra cui Keith Jarret, Chick Corea, Herbie Hancock, Enrico Pieranunzi, ma anche di giovani talenti come Brad Mehldau, Stefano Bollani e Dado Moroni.
Evans ha contribuito notevolmente allo sviluppo del “trio” jazzistico. Il ruolo della batteria e specialmente del contrabbasso hanno assunto un’importanza paritaria all’interno del trio, non più strumenti rilegati all’accompagnamento, ma bensì strumenti che interagiscono per un dialogo interattivo.
Attraverso gli Standards (songs americani sui quali B.E. ha sviluppato le sue improvvisazioni all’interno di strutture ben definite) e suoi brani originali il trio Olzer/Conti/Zanoli vuole con questo progetto immergere il pubblico in quella atmosfera calda, virtuosistica e magica del mondo di Bill Evans.

Evans group

  • Roberto Olzer – Piano
  • Marco Zanoli – Batteria
  • Marco Conti – Basso Elettrico
Play 1. Our love is here - Bill Evans Tribute
Play 2. Solar - Bill Evans Tribute
Play 3. We will meet - Bill Evans Tribute
Play 4. One for Helen - Bill Evans Tribute

Lilly in Monk

Il quartetto propone un repertorio degli anni ‘50 incentrato sulle storiche ed originali melodie di Thelonius Monk interpretate dalla voce di Lilly Gregori.Lilly group
  • Lilly Gregori – voce
  • Luca Cacucciolo – piano
  • Marco Zanoli – batteria
  • Marco Conti – contrabbasso

Steps Ahead tribute

Ispirati dal gruppo capitanato da Mike Manieri “Steps Ahead”, il gruppo presenta brani di composizione di Mike Manieri integrando brani originali del vibrafonista Francesco Pinetti, dando luogo tra l’altro ad un nuovo CD “Suono di Fusione”. Nonostante il sound energico del gruppo è di matrice Fusion/Rock le influenze jazzistiche di tutti gli elmenti creano aperture per improvvisazioni ed interplay coinvolgenti.

  • Francesco Pinetti – Vibrafono, Compositore
  • Max Pizio – Sax, Ewi
  • Marco Conti – Basso Elettrico
  • Pino LiTrenta – Batteria

Luis Salinas Tribute

Luis Salinas è nato nella città argentina di Monte Grande, vicino Buenos Aires. L’influenza di suo padre e di suo fratello, entrambi musicisti, l’hanno incoraggiato a suonare fin da quando era bambino.George Benson di lui ha detto: “E’ uno dei miei chitarristi preferiti”, Chick Corea “E’ uno dei più grandi musicisti argentini”; Scott Henderson: “E’ incredibile. E’ indubitabilmente un guitar hero”; Baden Powell: “E’ un chitarrista folle e brillante”. La sua grande versatilità lo ha portato a suonare con grandi musicisti come BB King e Hermeto Pascoal. . Salinas è un innovatore costante della musica argentina. Ha condiviso esperienze musicali con autentici idoli del folklore e del tango come Adolfo Ávalos e Horacio Salgan. Ha suonato il samba con Jaime Torres, e ha registrato un disco di tango con Maria Graña. La discografia di Salinas comprende 11 titoli, di cui l’ultimo “Luis Salinas y Amigos en España”, prodotto da FAM – Frank Andrada Music (2005) è oggi distribuito in Italia da 3Lune Records.

  • Fabrizio Spadea – chitarra e direzione
  • Mario Zara – tastiere
  • Marco Conti – basso elettrico
  • Giorgio Di Tullio – batteria
  • Loris Stefanuto – percussioni

 

Omaggio a Edgberto Gismonti

 

“Non esiste in Brasile una musica, ma molte esperienze differenti che convivono senza esclusione di nessuna. Quando queste vengono espresse si manifestano con quella che noi chiamiamo mestiço e caboclo”
Egberto Gismonti

Egberto Gismonti è nato a Carmo nel 1947, nello stato di Rio de Janeiro. Di origine italiana, si forma musicalmente in Brasile e, successivamente, a Parigi. Grazie anche all’incontro con Nadia Boulanger e Jean Barraqué identifica giovanissimo la sua strada musicale che presto assumerà un abito inconfondibile. Muove i primi passi sul pianoforte, trasferendo successivamente le caratteristiche del suo linguaggio sulla chitarra. E lo fa dotando il suo strumento di un numero sempre maggiore di corde e adottando una tecnica decisamente non convenzionale, arricchendola di una tavolozza timbrica ricca, riprendendo l’idioma della tradizione brasiliana. Le esperienze musicali di Egberto Gismonti sono multiformi. Pianista, chitarrista, flautista e percussionista, fa confluire nelle sue composizioni che lui stesso definisce “crazy” – pazze, una notevole serie di ispirazioni musicali, dando vita ad un personalissimo linguaggio che travalica ogni definizione di genere. Dalle musiche degli indios americani, alla musica classica contemporanea, al jazz, alla ricerca, senza alcun confine stilistico. Un percorso libero e, al contempo, rigoroso. Oggi Gismonti è considerato a pieno merito uno dei maggiori compositori e virtuosi della chitarra brasiliana.

Suonare la sua opera rappresenta per noi un “work in progress”, una continua scoperta. Il lavoro che svolgiamo sulle sue composizioni consiste in un personale arrangiamento di brani concepiti in genere per un organico più allargato rispetto al duo di chitarra e contrabbasso. La nostra diversa formazione derivante dal mondo classico e dal jazz, ci suggerisce una ricerca personale che, similmente ai criteri fondamentali del suo percorso, mescola esperienze differenti in una proposta musicale eterogenea e senza limiti stilistici.

 

  • Claudio Farinone – Chitarra
  • Marco Conti – Basso
Maracatù

Maracatù

Translate »